• Accueil
  • > Archives pour juillet 2015

9 juillet, 2015

Arcidiocesi di Palermo Arcidiocesi News

Classé dans : Non classé — andreadicaffa02 @ 1:53

Arcidiocesi di Palermo Arcidiocesi News  intestazione ArcidiocesiNews

IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • Messaggio Card. Paolo Romeo 391° Festino di Santa Rosalia
NOTIZIE DIOCESIPA
  • Don Salvo Priola nuovo rettore del Santuario diocesano di Altavilla Milicia e Padre Roberto Ciulla parroco della Parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù
  • La Scuola teologica di base conclude le attività dell’anno scolastico e conferisce il titolo di docente emerito a Giovanni D’Anna, Ina Ferro ed Emanuela Mantarro
  • Padri separati accolti dalla Caritas
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • I diaconi per una Chiesa in uscita
  • Iniziative del Centro Diocesano Confraternite in onore di Santa Rosalia
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • A Termini Imerese i frati studenti a Messina
  • Alla scuola dell’Infanzia Maestre Pie Venerini il GREST 2015
  • Sul Tgweb si parla del Festino della Misericordia
___________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. Messaggio Card. Paolo Romeo 391° Festino di Santa Rosalia
Festino%202015Anche quest’anno ci accingiamo a vivere la 391° edizione del Festino di Santa Rosalia, dal tema: “Rosalia: volto della Misericordia”, mutuato dall’Anno Giubilare della Misericordia, indetto da Papa Francesco, al quale si darà solennemente inizio a partire dall’8 dicembre prossimo.
Il Santo Padre, nella Bolla di indizione del Giubileo afferma che «Misericordia: è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro. Misericordia: è la legge fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita» (n. 2).
E’ sempre interessante riscoprire che facciamo esperienza della misericordia attraverso il gesto concreto di qualcuno, il volto preciso di una persona che, in un momento di difficoltà o di fatica ci viene incontro e ci porge la sua mano, il suo sguardo, il suo sorriso e, così facendo, ci aiuta a rialzarci e a riprendere il cammino.
Santa Rosalia è colei che ha avuto la prontezza di accorrere in aiuto della nostra città con solerzia e con efficacia. Palermo sarebbe diventata un enorme cimitero a cielo aperto senza il suo puntuale intervento che ha fermato lo stermino provocato dalla peste.
Il Signore ha fatto sì che Santa Rosalia fosse un prezioso strumento di salvezza, di aiuto, di protezione, di conforto, e perciò di misericordia per la nostra amata terra. Nelle vie dove le sue spoglie mortali sono passate, è cessata la morsa della morte. E ora, possiamo dire altrettanto? Possiamo affermare che Santa Rosalia è ancora il volto della misericordia del Signore per ciascuno di noi?
Sicuramente possiamo dire che oggi Palermo è altrettanto in stato di bisogno, sia esso umano, sociale o politico, pertanto è necessario, come ai tempi di Rosalia, chiedere la sua intercessione. Ciascuno di noi ha la necessità di fare chiarezza nella propria vita, di fermarsi un istante per vedere dove sta andando e qual è la meta che vuole raggiungere. Solo così, infatti, può prendere consapevolezza di sé stesso e della strada da compiere, comprendere così di avere ancora bisogno della mano che il Signore continua a porgere anche attraverso la nostra “Santuzza”.
Rosalia ci accompagna nel nostro cammino terreno, ma dobbiamo cercare di imitarla, dobbiamo anche noi essere la mano tesa per chi ci sta vicino, perché l’esempio di Santa Rosalia non rimanga un bel ricordo di un fatto del passato, ma sia sprone per un cambiamento di vita e di mentalità in ciascuno di noi, per una autentica conversione del cuore. Solo la gratitudine che nasce da questa esperienza di misericordia può permettere che ci interessiamo del vicino di casa, del collega di lavoro, delle famiglie in difficoltà, delle persone che incontriamo per strada, e solo così potrà rinascere una società più umana e vivibile, fondata su sani principi etici e morali.
Come è ormai tradizione, anche questa volta uomini e donne di ogni età mostreranno la loro devozione a Santa Rosalia soprattutto nei momenti religiosi celebrati in Cattedrale, in occasione dei Primi Vespri del 14 luglio, nella Santa Messa solenne il 15 mattina e, nello stesso pomeriggio, portando in Processione lungo il Cassaro la preziosa urna argentea contenente le Reliquie.

NOTIZIE DIOCESIPA
1. Don Salvo Priola nuovo rettore del Santuario diocesano di Altavilla Milicia e Padre Roberto Ciulla parroco della Parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù
Romeo%20e%20PriolaDopo il saluto a Don Liborio Scordato, che dopo 34 anni ha lasciato la parrocchia di Altavilla Milicia, nominato il nuovo Parroco e Rettore del Santuario Mariano Diocesano della Madonna della Milicia, punto di riferimento diocesano per il culto mariano. Si tratta di don Salvo Priola, 46 anni, che conosce bene la comunità altavillese, in passato è stato viceparroco all’inizio del suo ministero presbiterale, negli anni Novanta.
Una nuova nomina anche della Parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù a Palermo. Il religioso Padre Roberto Ciulla, 32 anni dei fratelli missionari della Misericordia è stato infatti nominato nuovo parroco. Come vice parroco è stato nominato padre Angelo Giudice, 43 anni. Entrambi i sacerdoti sono palermitani, ordinati presbiteri l’11 febbraio del 2014 ed hanno maturato una notevole esperienza missionaria in Madagascar. Guideranno la comunità parrocchiale che per 23 anni è stata retta dai padri missionari del Sacro Cuore di Gesù.

2. La Scuola teologica di base conclude le attività dell’anno scolastico e conferisce il titolo di docente emerito a Giovanni D’Anna, Ina Ferro ed Emanuela Mantarro
Con la relazione finale del direttore don Salvo Priola che ha tracciato il bilancio delle attività, chiude i battenti per l’anno scolastico 2014/2015 la Scuola teologica di base. L’incontro come di consueto si è svolto presso l’oasi diocesana “Card. Salvatore Pappalardo” di Baida. Come anticipato dal direttore, dal prossimo anno saranno 80 i Centri che saranno attivati in diocesi, di cui 25 di primo anno e 12 di approfondimento. A svolgere le lezioni un piccolo esercito di docenti che supera le 150 unità con alcune giovani new entry.
Nel corso della giornata si è svolta una commovente cerimonia, nel corso della quale è stato conferito il titolo di Docente Emerito a tre colonne della scuola, ovvero Giovanni D’Anna, Ina Ferro ed Emanuela Mantarro che non hanno trattenuto l’emozione e sono stati salutati affettuosamente dai colleghi.
Quindi ha fatto seguito un confronto tra i docenti sulle attività svolte e al fine di ottimizzare le attività future. E’ pertanto seguita l’assegnazione degli insegnamenti la cui griglia degli incarichi è stata predisposta con la sua proverbiale precisione dal segretario generale Giampaolo Tulumello.

3. Padri separati accolti dalla Caritas
É arrivato a sei il numero dei padri separati accolti nell’appartamento condiviso realizzato dalla Caritas di Palermo. La “Casa dei papà”, che si trova all’interno dei locali del Centro Agàpe, a piazza Santa Chiara e che può ospitare fino a 10 posti, è stata realizzata per offrire una risposta diversa al problema abitativo, andando oltre i sistemi di accoglienza tradizionali basati su forme di sostegno e alloggio temporaneo.  L’iniziativa , la cui prima annualità si concluderà a ottobre, rientra nell’ambito  del progetto « Housing first » che coinvolge 15 Caritas siciliane  e si avvale dei fondi dell’8 per mille.
Sono quindi aumentati, i separati, tutti palermitani, che hanno chiesto aiuto alla Caritas per avere un tetto sotto il quale ripararsi. La maggior parte delle volte, quando l’abitazione c’è, questa è abitata dall’ex coniuge e dai figli che hanno diritto al mantenimento stabilito dal giudice.
La “Casa dei papà” è un appartamento con stanze singole, munite di qualche lettino dove potere accogliere periodicamente anche i figli. Accanto alle stanze, sono previsti anche alcuni spazi comuni e una cucina da condividere. A seguire in Caritas i padri separati c’è un gruppo di operatori esperti: la psicologa, l’assistente sociale, l’educatore e anche l’avvocato.
“Si tratta, senz’altro, di un’opportunità che stiamo offrendo per ridare dignità,  alla loro vita – dice il direttore della Caritas palermitana don Sergio Mattaliano – una piccola boccata di ossigeno che li accompagna nel loro percorso di autonomia e cerca in qualche misura di dare quel poco di serenità,  indispensabile per andare avanti. Queste persone non solo hanno vissuto una separazione dalla famiglia con tutta la sofferenza del caso ma spesso devono affrontare  anche situazioni sgradevoli, conflitti e interessi che appesantiscono ancora di più la situazione”.
“In questi mesi abbiamo conosciuto tantissimi papà -  racconta Claudia Casella, assistente sociale della Caritas. Si tratta, nella gran parte di casi, di persone molto sole e per loro sapere che c’è un punto di riferimento forte, che non è soltanto determinato dalla sede, ma da persone pronte ad aiutarle è molto importante perché, a poco a poco, dà loro maggiore sicurezza, spingendoli ad andare avanti nonostante tutto. La finalità del progetto è quella che possano raggiungere un equilibrio personale e un’autonomia organizzativa e lavorativa tale che gli consentano di proseguire il loro percorso di vita”.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1.  I diaconi per una Chiesa in uscita
Il 21 giugno scorso, presso il Seminario Vescovile di Noto, si è tenuta la XIV Festa Regionale dei Diaconi insieme alle Famiglie (FIR), dal tema “Per una Chiesa in uscita”.
Hanno partecipato 250 diaconi con le loro rispettive famiglie, provenienti dalle Chiese di Sicilia. L’evento ha avuto inizio con un momento di preghiera nella Basilica del SS. Salvatore. Subito dopo don Luigi Vizzini, Vicario episcopale per il Clero e Delegato diocesano per i Diaconi permanenti, ha aperto i lavori porgendo i saluti del Vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò, impossibilitato a partecipare per motivi pastorali.
Don Calogero Cerami, Direttore del Centro “Madre del Buon Pastore”, ha portato il saluto di mons. Carmelo Cuttitta, Vescovo ausiliare di Palermo, delegato CESi per il Clero, impossibilitato a partecipare per impegni pastorali e ha salutato i presenti ringraziando per l’accoglienza. Ha ricordato il percorso formativo di quest’anno pastorale dal tema: “Diaconi discepoli missionari di Cristo servo (cf. EG 120)” con i tre incontri per i diaconi e le loro spose tenuti a Caltagirone (25.01.2015), Trapani (01.02.2015) e Piazza Armerina (08.03.2015) e con i due incontri per i delegati della formazione tenuti a Pergusa (20.12.2014) e Palermo (21.03.2015). Ha esortato a partecipare al XXV Convegno Nazionale della Comunità del Diaconato in Italia che si terrà a Campobasso dal 5 all’8 agosto 2015 e al Master in nuova evangelizzazione e identità diaconale che si terrà a Roma alla Pontificia Università Lateranense dal 30 giugno al 18 luglio 2015.
Il diacono prof. Franco Lentini, a nome dei diaconi di Noto, ha rivolto un saluto ai confratelli intervenuti con le loro famiglie, ricordando il ruolo delle consorti e il sostegno che quotidianamente esse offrono attraverso la condivisione della missione dei diaconi e del loro stile di vita essenziale.
Don Luigi Vizzini, nella sua relazione dal titolo «In Cristo il volto dell’amore che sa perdersi nella periferia dell’altro», ha citato Papa Giovanni Paolo II: “La missione deve urgere nel cuore dei ministri e spingerli fino al dono totale di sé. […] I diaconi hanno il ruolo di rendere visibile l’invisibile, con risposte da donare all’uomo”. La spiritualità missionaria è un cammino verso la santità, in quanto si tratta del sacrificio e dell’offerta del proprio “io” – ha proseguito don Vizzini -, ricordando che l’ultimo diventa un luogo teologico in cui si manifesta l’amore di Cristo. Attraverso “l’uscita”, avviene “l’incontro”, grazie al qualenutriamo la fede, in un circolo virtuoso d’amore. “Per lanciarsi fuori è necessario radicarsi dentro nella costituzione propria della Chiesa, per farsi liberi bisogna farsi servi di Cristo”.
​La relazione del Direttore della Caritas Diocesana prof. Maurilio Assenza, intitolata “Nella compagnia degli uomini con la misura alta del Vangelo”, ha toccato il tema di una Chiesa che “si lascia mettere in movimento dagli appelli del Signore, amando col cuore e operando con intelligenza”. Gli ultimi vanno accolti ogni giorno, dando loro un aiuto concreto attraverso l’evangelizzazione nella relazione. Il prof. Assenza ha ricordato che “nell’Eucaristia la Chiesa trova l’anticipo del banchetto celeste e dell’amore di Dio: insieme alla carità costituisce la solidità della vita che non tiene conto né del potere né del successo, in assoluta gratuità”.
​L’incontro si è concluso nel pomeriggio con la visita alla Cattedrale e la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vicario generale, mons. Angelo Giurdanella, il quale – a nome del Vescovo Antonio – a ricordo della giornata, ha donato a tutti i diaconi un acquerello della Cattedrale, realizzato dal diacono prof. Angelo Di Maria.

2. Iniziative del Centro Diocesano Confraternite in onore di Santa Rosalia
Giovedì 9 luglio 2015 dalle ore 18 presso la Cattedrale di Palermo, il Centro Diocesano che rappresenta le Confraternite della Diocesi ha promosso, insieme al Parroco mons. Filippo Sarullo, alcune iniziative per celebrare la ricorrenza dei 391 anni dalla prima processione in onore di Santa Rosalia.
Il programma prevede alle ore 18.30 una conferenza del paleografo Girolamo Mazzola su Santa Rosalia « scende » dal monte. La nostra « Santuzza » fra tradizione, mistero e verità storica. Alle ore 19.30 un concerto di musica sacra diretto dal compositore Bartolomeo Cosenza saranno eseguiti i seguenti brani dedicati a Santa Rosalia. Il canto del disperato – Il canto dill’ammuri Natasa Katài, Soprano – Serena Romano, Mezzosoprano – Gaia Romano, Mezzosoprano. Alle ore 20.30 l’inaugurazione Mostra di pittura contemporanea sul tema “Rosalia la Più bella”, in collaborazione con la Galleria d’arte “Studio 71” di Palermo. Opere di Antonella Affronti, Anna Balsamo, Alessandro Bronzini, Sebastiano Caracozzo, Aurelio Caruso, Tanina Cuccia, Enzo D’Alessandro, Angelo Denaro, Stella Febbraro, Naire Feo, Giovanni Gambino, Giuseppe Gargano, Kindia, Alessio Lo Prete, Pino Manzella, Daniela Marcianò, Laura Natangelo, Vanni Quadrio, Caterina Rao, Tiziana Viola Massa e Maria Stella Zangara.
L’idea di volere rendere omaggio alla nostra patrona è un pensiero abbastanza ricorrente in chi si occupa d’arte nella città di Palermo ma sopratutto sono gli artisti sempre i più disponibili ad affrontare questo tema. Nel passato, sia al santuario di Monte Pellegrino ma anche altrove le immagini più disparate della Santa si sono moltiplicate. Dalla splendida opera di Anton Van Dyck (Santa Rosalia in gloria incoronata da due angeli) del 1624 eseguito – tanto per cambiare – su committenza privata per il nobile palermitano Antonio Ruffo (oggi al Metropolitan Museum of Art di New York) agli ex voto “bellissimi e preziosi” conservati al Museo Giuseppe Pitrè di Palermo situato nello splendido parco della Favorita. Immagini certamente cariche di devozione ma sempre legate a schemi molto precisi che vedono la Santa costantemente con il saio ora marrone, ora nero, qualche volta di marmo, d’oro o argento.
Ma Rosalia era una ragazza che potremmo definire modernissima per quel tempo prova ne sia il rifiuto (una delle tante ipotesi leggendarie del suo eremitaggio) opposto al padre di andare in sposa per volontà genitoriale ad un uomo che non amava: verità storica? Mistero o tradizione popolare? Gli artisti hanno scelto per la sua rappresentazione immagini diverse, spesso frutto della loro immaginazione come è nella tradizione. Della Santa infatti non si conosce il vero volto.
La mostra è presentata in catalogo da Francesco M. Scorsone. Testi di Loreto Capizzi, Presidente del Centro Diocesano Confraternite; mons. Salvatore Lo Monte, Delegato regionale per le Confraternite; mons. Filippo Sarullo, Parroco della Cattedrale di Palermo; Rosalia Coniglio, segretaria del Centro Diocesano; di Vinny Scorsone, scrittrice e critico d’arte. Nel catalogo è inoltre riportato un estratto del testo di Claudio Alessandri (oggi scomparso) Rosalia tra mito, leggenda e tradizione popolare. la mostra è visitabile tutti i giorni negli orari di apertura della Cattedrale di Palermo fino al 31 luglio 2015.
Info: Vicolo San Matteo, 1 – 90124  Palermo – Tel. 091  320590

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. A Termini Imerese i frati studenti a Messina
francescaniNei giorni 15-19 Luglio avremo la gioia di accogliere in mezzo a noi i nostri Frati studenti di Messina accompagnati dal loro maestro fra Giuseppe Di Fatta. Insieme, vivremo diversi momenti di condivisione fraterna, dalla preghiera a spazi di evangelizzazione aperto a tutti. Avremo la possibilità di ricevere un “annuncio” e di condividerlo alla maniera di San Francesco per gustare la bellezza del Vangelo che, come comunità tutta del primo, del secondo e del terz’Ordine, vogliamo vivere come una “grande famiglia”, col proposito di dare senso anche a questo periodo di riposo estivo. Pertanto, ecco alcuni appuntamenti importanti che ci daranno tempo e spazio per conoscere i nostri Frati studenti e poter condividere con loro momenti come:
16 Luglio 2015
Ore 18,00 Vespri e Celebrazione Eucaristica presso il Monastero delle nostre Sorelle Clarisse;
Ore 21,30 Momento di preghiera e testimonianza vocazionale per i giovani al Convento della Gancia.
17 Luglio 2015
Ore 18,00 Vespri e Celebrazione Eucaristica presso il Monastero delle nostre Sorelle Clarisse;
Ore 21,30 Serata di Evangelizzazione ed Animazione al Belvedere di Termini.
18 Luglio:
Ore 21,00 Catechesi per tutti con canti (fra’ Giuseppe Di Fatta e frati) e animazione presso il Monastero delle nostre Sorelle Clarisse.
19 Luglio:
Ore 19,00 Celebrazione Eucaristica presso il Convento della Gancia.

2. Alla scuola dell’Infanzia Maestre Pie Venerini il GREST 2015
Alla scuola dell’Infanzia Maestre Pie Venerini il GREST 2015. L’iniziativa organizzata dalla Comunità Francescana “Santa Maria di Gesù”, si svolgerà dal 20 al 31 luglio 2015 ed è rivolta a  bambini dai 6 ai 13 anni.
Per info: fra Stefano ofm 3282490156 – Angela 320/1575046 – Antonella 339/6036221.

3. Sul Tgweb si parla del Festino della Misericordia
All’insegna della Misericordia il Festino 2015, presentato il progetto del complesso parrocchiale « Beato Giuseppe Puglisi Martire » a Brancaccio e don Salvo Priola nuovo rettore del Santuario diocesano di Altavilla Milicia. Sono alcuni dei servizi proposti nel Tgweb settimanale dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb

ArcidiocesiNews – Agenzia Stampa dell’Ufficio Pastorale Comunicazioni Sociali
Via Matteo Bonello, 2 – 90134 Palermo
Direttore: diac. Pino Grasso tel. 339/2800330
Feed RSS DiocesiPa su Youtube
RSS
Segui DiocesiPa su Youtube
Youtube
Segui DiocesiPa su Twitter
Twitter

5 juillet, 2015

Amici di Padre Pio associazione Onlus un grazie sincero al Dr Gianni Mozzillo umile figlio di San Padre Pio da Pietrelcina

Classé dans : Non classé — andreadicaffa02 @ 12:41

CHI SIAMO

“ Che siano i miei amici dell’Associazione degli angeli

capaci di servire Gesù nei poveri

e negli infermi di spirito e di corpo ”

Padre Pio da Pietrelcina


 


L’Associazione Nazionale “Amici di P. Pio – Volontari del Sollievo” – ONLUS
è nata per il compimento delle opere di carità e di apostolato
secondo lo spirito e l’esempio di P. Pio da Pietrelcina.

 

Le attività dell’Associazione son quindi di tre tipi: spirituale, caritativa e apostolica.

statuto con firma di padre pio

L’attività spirituale è promossa tra i membri effettivi e simpatizzanti dell’associazione con riunioni di preghiera, conferenze spirituali, letture formative, ecc., atte a promuovere e ad approfondire lo spirito cristiano francescano secondo gli insegnamenti e le direttive del Padre.

L’attività caritativa collabora alle opere di carità per i sofferenti, con visite agli ammalati, poveri e anziani, seguendo ciò che stava a cuore a P. Pio: “il sollievo della sofferenza”.

Per venire incontro alla sete di anime che caratterizza l’apostolato di P. Pio, gli associati svolgono, infine, l’attività apostolica attraverso convegni, ritiri, pellegrinaggi, ecc., in modo da predisporre gli animi alla fiducia nel Sacramento della Penitenza e al desiderio di continua perfezione nell’Amore di Dio.

L’ASSOCIAZIONE è costituita da tutte le persone o gruppi di persone che vogliono fare un cammino di vita cristiana e francescana ponendosi alla scuola spirituale di Padre Pio da Pietrelcina, in collaborazione e sotto le direttive di nostra Madre Chiesa. Non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà nel campo dell’assistenza sociale e sanitaria, della beneficenza, dell’istruzione, della formazione, della promozione e valorizzazione delle cose di interesse artistico, storico e religioso, della tutela e della valorizzazione della natura e dell’ambiente, della promozione della cultura e dell’arte, della tutela dei diritti civili.

OBIETTIVI


SENSIBILIZZARE il territorio ad una cultura dell’accoglienza e della solidarietà verso i sofferenti, i poveri e gli emarginati.
INFORMARE/FORMARE coloro che desiderano intraprendere questo cammino aiutandoli a comprendere le motivazioni, individuare le proprie risorse e i propri limiti, in un cammino comunitario cristiano di fede, di speranza e di carità;
SOSTENERE le persone che fanno esperienza di accoglienza e che si prodigano per dare sollievo alla sofferenza fornendo loro un adeguato sostegno morale, spirituale e un utile contributo fattivo.

Per ottenere ciò che si prefigge, l’Associazione ha già posto in essere molte iniziative e molte altre cerca, nonostante le mille difficoltà, con l’aiuto di uomini di buona volontà, di porre in essere.

L’associazione è proprietaria del Premio Internazionale Padre Pio da Pietrelcina, giunto alla XIVa edizione, che sta riscuotendo un notevole successo. L’intento di tale manifestazione è quello di omaggiare il Santo di Pietrelcina, diffondere il suo messaggio spirituale e incoraggiare le opere di uomini di buona volontà affinché possano far fruttificare quei talenti per il bene comune.

Nel campo dell’editoria ha concepito un opuscolo informativo, di lettura e di riflessione per poter spronare la cultura dell’accoglienza e della solidarietà: «Insieme a Padre Pio».

Promozione di accordi di collaborazione con altre associazioni, enti e servizi pubblici che perseguano le stesse finalità di accoglienza, solidarietà e carità rivolta agli ultimi;

Convegni, incontri di preghiera, ritiri, pellegrinaggi, dettati dagli assistenti spirituali per rafforzare il nostro cammino di fede; Manifestazioni varie per partecipare alla vita sociale del posto e far conoscere all’esterno il nostro progetto ambizioso e la nostra proposta di amore che si basa sulla sequela di Cristo seguendo l’esempio di Padre Pio.

Questo in estrema sintesi il progetto ambizioso della nostra associazione, in questa sede, ci sembrava poco opportuno essere prolissi.

Tale progetto potrà essere realizzato solo attraverso l’aiuto fattivo di uomini di buona volontà e l’aiuto di Dio attraverso l’intercessione del nostro amato Padre Pio, “altrimenti invano lavorano i costruttori”.

Direttore Gianni Mozzillo

1 juillet, 2015

Adoma, société d’économie mixte, filiale du Groupe SNI (Caisse des Dépôts) a été créée en 1956 par les pouvoirs publics pour accueillir les travailleurs migrants.

Classé dans : Non classé — andreadicaffa02 @ 18:14

Présentation d’Adoma

Adoma, société d’économie mixte, filiale du Groupe SNI (Caisse des Dépôts) a été créée en 1956 par les pouvoirs publics pour accueillir les travailleurs migrants. Au fil du temps, elle a vu ses missions et sa clientèle évoluer. Aujourd’hui redressée, l’entreprise est un acteur incontournable de l’insertion par le logement.
Adoma, société d'économie mixte, filiale du Groupe SNI (Caisse des Dépôts) a été créée en 1956 par les pouvoirs publics pour accueillir les travailleurs migrants.  265_1308_vignette_Vignette-Adoma-plaquette-2014-copie
Présente sur l’ensemble du territoire national, elle héberge plus de 71 000 personnes en difficulté qui ne peuvent accéder à un logement de droit commun : jeunes en insertion, travailleurs précaires, bénéficiaires de minima sociaux, travailleurs migrants, familles monoparentales …

Premier opérateur national du logement accompagné, Adoma a lancé en 2010 un plan de rénovation de son patrimoine pour transformer peu à peu des chambres en studios disposant du confort nécessaire.
Adoma développe également son parc immobilier (construction neuves, prises en gestion, acquisitions-améliorations …)

L’accompagnement social de ses clients est au cœur des missions d’intérêt général d’Adoma.

Adoma est aujourd’hui le premier opérateur au plan national en matière d’hébergement et d’accompagnement des demandeurs d’asile.

160_1834_vignette_vignette-Adoma-projet-dentreprise-1

Notre projet d’entreprise

Présenté et validé par notre Conseil d’Administration en juin 2013, notre projet d’entreprise définit la feuille de route d’Adoma pour les cinq ans à venir, avec les différents chantiers qui seront menés et dans lesquels chacun des 2 273 collaborateurs s’impliquera.

Il est le fruit d’une démarche participative, et rend compte de l’identité de notre entreprise et de ses valeurs fortes.

Haut-Rhin Demande Logement Social ADOMA

Classé dans : Non classé — andreadicaffa02 @ 15:38

Fiche résidence COLMAR LES VIGNES

18 RUE DE L’ENTLEN 68040 INGERSHEIM
  • logement disponible
Haut-Rhin Demande Logement Social ADOMA  300_0041_1

© DR Adoma
NC

Description

  • Résidence sociale
  • 64 logements
  • Chambre, Studio
  • Logements meublés
  • Tous publics
  • Equipe Adoma présente sur place

Tarifs

  • de 429 € à 472 €
  • APL. Logements éligibles à l’APL selon les conditions de ressources : www.caf.fr

Services

  • Laverie
  • Salle télévision
  • Parking
  • Local vélo

Contact

  • 18 RUE DE L’ENTLEN
    68040
    INGERSHEIM
  • Tel : 03.89.80.16.84
  • Pour plus d’informations concernant cette résidence :Contacter par mail
    Pour toute demande de logement, cliquez sur le bouton « Je réalise ma demande de logement en ligne ».
    Pour toute autre demande, veuillez utiliser le formulaire de contact.

Como todos los años, se vive en Málaga la llegada de los Caballeros Legionarios, para acompañar y rendirle honores a su Cristo de la Buena Muerte. Sirvan estas imágenes tomadas en directo la mañana del Jueves Santo de 2012 en Málaga, para que sintáis toda la emoción de este acto multitudinario y lleno de fe.

Classé dans : Non classé — andreadicaffa02 @ 0:12

Le rat noir |
Phenix Club |
zakariahammoumi |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Science pour Tous
| ekinox21
| L'individu et le groupe